I vantaggi del nostro innovativo sistema di telemedicina

26 Maggio 2020

Silvia Fiorini, Amministratore Delegato di Health Point, illustra in questa intervista a marketinsight.it “i vantaggi per l’utente del modello di business messo a punto in questi anni e denominato sistema di Telemedicina”. Un modello decisamente innovativo, realizzato dalla controllata di Health Italia specializzata nella organizzazione e gestione di centri sanitari e sistemi di telemedicina all’interno di un gruppo “leader nel mercato della sanità integrativa e delle soluzioni per benessere di individui e famiglie”. Un business destinato a registrare uno sviluppo importante poiché, aggiunge Fiorini, “la pandemia Covid-19 ha accelerato nel nostro paese l’implementazione dei sistemi di Telemedicina, focalizzando l’attenzione su un possibile ripensamento delle modalità con le quali si interfacciano medici e pazienti”.

Gli elementi chiave del progetto di Telemedicina

“Health Italia è un gruppo che da diversi anni si occupa di sviluppare sistemi atti a gestire processi per la salute e il benessere di individui e famiglie; con una rete di oltre 3.000 professionisti della salute, diffonde su tutto il territorio nazionale piani sanitari finalizzati a garantire la possibilità di usufruire di prestazioni sanitarie personalizzate nelle oltre 5.000 strutture sanitarie convenzionate”, esordisce così Silvia Fiorini, Amministratore Delegato di Health Point, in una intervista rilasciata a Market Insight.

In questo contesto, prosegue il CEO,”dopo un’approfondita analisi del mercato nazionale ed internazionale, abbiamo intuito che il futuro nel settore sanitario fosse caratterizzato dalla possibilità di realizzare sistemi innovativi di Telemedicina ed è con questa mission che nel 2017 è nata Health Point S.p.A., società specializzata interamente controllata da Health Italia S.p.A.”.

L’approccio strategico di Health Point

“La visione strategica di Health Point che ci ha guidato sin dalla sua origine”, spiega Fiorini,”è stata quella di modificare il modello sanitario in uso nel nostro paese, caratterizzato da modalità e tempistiche non più conformi alle esigenze di un cittadino, abituato per consuetudine all’approccio ‘soggetto malato-cura’, verso un sistema tecnologicamente avanzato basato sul concetto di ‘soggetto sano-prevenzione’.”

“A questo proposito le linee strategiche che abbiamo implementato si sono fondate sulla capacità di garantire a individui e famiglie una più semplice accessibilità alle prestazioni sanitarie, una più ampia prossimità alla misurazione dei propri parametri medici ed una sempre più rapida capacità di risposta, che sono gli obiettivi di Health Point”.

Prioritariamente stiamo agendo su due canali, specifica l’AD,”da un lato incrementando il contenuto della nostra offerta in termini di parametri sanitari misurabili, aggiornamento tecnologico dei device utilizzati, velocità di risposta del sistema, dall’altro lato sviluppando ulteriormente il concept dell’Health Point in modo da renderlo sempre più adattabile a qualsiasi contesto logistico nel quale possa essere inserito”.

“La leva principale per migliorare ulteriormente il nostro modello è sicuramente costituita dalla capacità di avere una visione complessiva ed integrata dei possibili utilizzi della Telemedicina, in un mercato nel quale molto spesso le proposte sono frammentate e parziali, determinata da un’approfondita conoscenza del settore che abbiamo sviluppato in questi vent’anni di presenza nel mercato della sanità, nonché dalla possibilità di una gestione proattiva nella elaborazione dei dati a disposizione, per delineare percorsi di benessere virtuosi ed un servizio più completo”.

I punti di forza del modello Health Point

Per quanto concerne il modello generale, afferma Fiorini,”Health Point opera nel rispetto delle Linee di Indirizzo Nazionali sulla Telemedicina emanate del Ministero della Salute su approvazione dell’Assemblea Generale del Consiglio Superiore di Sanità”.

“Inoltre dobbiamo sottolineare come la Telemedicina sia di fatto un mercato che presenta un ventaglio ampio di attività che vanno dalla rilevazione dei parametri sanitari dell’individuo alla Televisita fino al Telemonitoraggio e che richiedono un’elevata competenza e adeguati sistemi informativi nonché un preciso modello come disposto dalle norme in materia”.

A questo proposito, continua il CEO, “Health Point S.p.A., in linea con la strategia della capogruppo Health Italia, ha realizzato una piattaforma proprietaria evoluta di Telemedicina tramite la quale è in grado di offrire ai cittadini la misurazione dei propri parametri sanitari, la Televisita ed il controllo della propria situazione sanitaria. Infatti la nostra azienda gestisce sia dei centri medici polispecialistici, gli Health Point Medical Care,operanti con la metodologia tradizionale, che dei veri e propri punti salute, gli Health Point, operanti tramite il sistema di Telemedicina”.

“Un  progetto, quest’ultimo, il cui cuore operativo è quindi l’Health Point, che rappresenta un proprio e vero concept, innovativo e completo, che consente di adeguare l’offerta delle prestazioni sanitarie alla dimensione che abbiamo a disposizione”.

Tutto questo perché, spiega l’AD,”trattandosi di un sistema modulare, può essere implementato, come già abbiamo fatto, in negozi su strada, nelle farmacie ed anche nelle aziende; di fatto ovunque ci sia uno spazio comune a disposizione, pensiamo ad esempio ai centri sportivi, può essere realizzato un Health Point”.

I risultati positivi confermano la validità del modello

Un modello vincente, sottolinea Fiorini, “la cui validità trova sicuramente riscontro anche nei risultati positivi raggiunti”.

“In un contesto nel quale è necessario misurarsi con il cambiamento di abitudini consolidate e la sostituzione di modelli obsoleti, noi siamo una realtà che fa innovazione e, possiamo dire che abbiamo riscontrato un grande interesse di cittadini ed aziende tanto da avere avviato ad oggi 16 strutture operative”.

Nel 2018, primo anno di attività, con meno strutture aperte, ricorda il CEO, “Health Point aveva chiuso l’anno con ricavi che rappresentavano circa il 4% dei ricavi di gruppo. Il riscontro positivo è proseguito anche nel 2019 con una ulteriore crescita che ci dovrebbe portare ad incrementare l’incidenza dei nostri ricavi su quelli del gruppo”.

In merito ad una proiezione futura, evidenzia Fiorini, “un fatto incontestabile è che gli esperti individuano la Telemedicina come la soluzione a molti dei problemi del sistema sanitario e, per noi che operiamo in questo mercato già da tre anni,questo rappresenta la conferma circa la correttezza della nostra visione strategica, che ci consentirà di essere in linea con gli obiettivi di crescita”.

“Attualmente abbiamo già in essere alcuni accordi con imprese di importante dimensione ed anche con alcune farmacie che utilizzano l’Health Point e stiamo ulteriormente ampliando il nostro raggio di azione anche su altre potenziali attività nella quali il posizionamento di un Health Point può essere un importante valore aggiunto”.

“Sicuramente possiamo dire che la collocazione di un Health Point sia all’interno delle imprese, per organizzare le attività mirate a misurare i parametri medici ed a gestire i programmi di prevenzione e benessere a favore dei dipendenti, sia  all’interno delle farmacie, per consentire a tutti i cittadini di misurare con gli strumenti di Telemedicina i propri parametri medici in un’ottica di controllo e di prevenzione”, riporta l’AD,”sta riscontrando già oggi un significativo interesse, ma siamo consapevoli che questi sono solo alcuni dei modelli operativi nei quali l’Health Point può dare consistenza alle attività di prevenzione sanitaria e di welfare”.

L’operatività durante la pandemia di Covid-19 e le prospettive future

In una situazione gravata dalla pandemia di Covid-19, riporta Fiorini, “Health Point è naturalmente una delle aziende che ha potuto continuare ad operare secondo le regole dei vari DPCM che si sono succeduti ed il nostro pensiero è stato quello di fornire alla cittadinanza il nostro sistema di Televisita, a costi ridotti, per permettere a chiunque lo desiderasse di potersi confrontare a distanza con uno dei nostri medici specialisti per quanto riguarda la medicina generale, la cardiologia, la pneumologia a tante altre specializzazioni tra le quali anche la psicologia e la psicoterapia”.

“L’obiettivo primario della Televisita, in un’ottica di riduzione drastica degli spostamenti, è quello di muovere le informazioni diagnostiche anziché il paziente”.

Guardando poi ai prossimi mesi, afferma il CEO, “Da un punto di vista sanitario un futuro nel quale il cittadino possa avvalersi di prestazioni sanitarie realizzate con sistemi tecnologicamente avanzati, anche a distanza, secondo tempi e modi consoni al proprio stile di vita e con risultati ottenuti in tempi rapidi, che è la strada che anche questa malaugurata pandemia ci conferma debba essere seguita senza esitazione”.

Da un punto di vista societario, conclude Fiorini, “puntiamo a sviluppare ulteriormente la nostra azienda sia in termini di strutture aperte che di ricavi e redditività, in linea con le strategie di Health Italia che, da sempre, sono focalizzate sull’innovazione, il servizio alla clientela, la crescita dei ricavi, la redditività aziendale e la soddisfazione degli azionisti”.

Fonte: MarketInsight.it